Le manifatture – Memorie di Fabbrica

← Torna alla pagina principale Manifatture

 


Le ‘manifatture’ come luoghi di memoria collettiva: dalla storia alle testimonianze dei centri produttivi della città di Lucca
Presentazione del progetto

 


 

Memorie di Fabbrica

© – Le interviste sono state realizzate a cura dell’ISREC Lucca e pubblicate con il consenso degli autori. È fatto divieto di scaricarle ed utilizzarle anche in parte senza previo consenso dell’ISREC Lucca.

 


 

LIVIO FAVILLA – Operaio della Cucirini Cantoni Coats
Livio Favilla (Lucca, 1946) è stato operaio alla Cucirini Cantoni Coats dal 1974 al 1994. Oltre a ricordare la sua esperienza lavorativa e sindacale, ci consegna uno sguardo inedito sulle iniziative sociali messe in atto dalla direzione Cantoni: dalla Colonia al Mare degli Henderson allo Sporting Club, passando per la creazione della Biblioteca aziendale.

 


 

LEO ORSI – Movimento studentesco alla Cucirini Cantoni Coats
Leo Orsi (Capannori, 1950) non ha mai lavorato all’interno della Cucirini Cantoni Coats. Il suo fu un impegno di militanza nelle file del PSIUP, appoggiando e sostenendo le rivendicazioni operaie tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta. Di grande interesse risulta un suo studio – compiuto durante gli anni universitari – sul ruolo della donna in fabbrica.

 


 

Il Filo rosso. Interviste agli ex operai della Cucirini Cantoni Coats – CGIL, Lucca 2006
Il convegno, tenutosi nel 2006 per il centenario della Camera del Lavoro di Lucca, costituisce una testimonianza rara e fondamentale sulla dimensione conflittuale e sindacale all’interno della Cucirini Cantoni Coats. Tra gli interventi, spiccano quelli di Francesco Malfatti, Delfo Fenili e Riccardo Fratino.

 


 

NELI GALLI – Operaia della Cucirini Cantoni Coats
Neli Galli (Lucca, 1927) ha vissuto il primo trentennio post-bellico della Cucirini Cantoni Coats. Un’intervista preziosa, ricca di riferimenti familiari e di ricostruzioni singolari: non ultima, quella della vita all’interno delle corti rurali lucchesi. Dalle sue parole traspare un grande spirito di sacrificio, oltre alla fatica nel coniugare i turni di cottimo con il lavoro nei campi a fianco del marito.

 


 

MARIO BONINI – Impiegato alla Cucirini Cantoni Coats
Mario Bonini (Pieve Fosciana, 1942) è stato impiegato alla Cucirini Cantoni Coats dal 1964 all’inizio degli anni Ottanta. Qui ci guida attraverso le principali dinamiche economiche, occupazionali e conflittuali dello stabilimento, ponendo particolare attenzione alla sua attività come delegato sindacale della CGIL. Di grande interesse risulta anche la ricostruzione finale delle discussioni di fabbrica attorno ai referendum abrogativi sul divorzio (1974) e l’aborto (1978).

 


 

PAOLO BARSOCCHI e VENANZIO PIERUCCINI
Paolo Barsocchi (Capannori, 1943) e Venanzio Pieruccini (Lucca, 1942) sono stati due dei maggiori attivisti sindacali all’interno della Cucirini Cantoni Coats. Pieruccini entrò in fabbrica nel 1961: attraverso le sue parole ricostruisce il clima di fabbrica, le lotte e le trattative, ricordando anche il ruolo di grandi personalità come il dottor Mondini. Lo stesso fa Paolo Barsocchi, il cui ingresso alla CCC avvenne due anni dopo quello di Venanzio. Un cattolico e un comunista, un impiegato e un operaio che si trovarono a lottare fianco a fianco all’interno della CGIL, contribuendo al conseguimento di alcuni degli accordi più importanti nella storia sindacale della città di Lucca.

 

 

error: Il contenuto è protetto!