Il sacrificio di fra’ Antonio Bargagli

La vicenda di Bargagli aiuta a comprendere come la religione rappresenti un segno di identificazione forte per le comunità investite dalla guerra.

A causa dell’incalzare delle violenze belliche, a Viareggio viene impartito l’ordine di evacuazione il 17 aprile 1944. In una cittadina sfollata e spettrale, fra’ Antonio Bargagli, terziario francescano e sacrestano del convento di S. Antonio, decide di non sfollare per assistere degli infermi nelle campagne della periferia viareggina (a Bicchio).

Il 10 agosto 1944, il francescano sta percorrendo la via sterrata parallela al fosso Guidario – per disporre il trasporto della salma di un anziano che ha assistito durante l’agonia – e incontra alcuni soldati tedeschi. Questi cominciano a malmenarlo, a percuoterlo con i fucili e alla fine, dopo averlo inseguito lungo un campo, lo uccidono con un colpo di rivoltella.

http://www.terradiviareggio.it/storia-locale/quel-cippo-in-via-dei-comparini/ 

Fra’ Antonio Bargagli

fra' Bargagli

fra’ Bargagli

Monumento a fra' Bargagli

Monumento a fra’ Bargagli

Monumento a fra' Bargagli - particolare

Monumento a fra’ Bargagli – particolare

Trova indicazioni stradaliEsporta come KML per Google Earth/Google MapsApri mappa autonoma in modalità schermo interoEsporta come GeoJSON
Il sacrificio di fra' Antonio Bargagli

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Il sacrificio di fra\' Antonio Bargagli 43.859123, 10.281516 Il sacrificio di fra\' Antonio BargagliUn frate coraggioso e caritatevole incontra i tedeschi(continua a leggere)